Menu

Tipografia

Carissimi,
da qualche tempo la proposta di legge per il prepensionamento non solo si è arenata in Parlamento, ma addirittura il suo testo ha conosciuto diverse manipolazioni in senso restrittivo, che ne hanno snaturato i contenuti proposti dal nostro movimento.
Tenete presente che la caduta del Governo non ci coinvolge in quanto il potere legislativo (il Parlamento) continua a lavorare sulle proposte esistenti anche in caso di rimpasto, governo tecnico, etc. Il problema potrebbe sorgere solo nel caso si dovesse andare a votare perchè in questo caso finirebbe la Legislatura e si ricomincerebbe tutto daccapo. Ma anche questa potrebbe essere un’opportunità . In caso di elezioni perderemmo comunque questo treno ma... nel corso della campagna elettorale, essere visibili potrebbe darci l’opportunità di inserimento della Proposta di Prensionamento tra i programmi di governo di uno degli schieramenti, a prescindere dal colore che a noi non interessa affatto!
Non molliamo e lasciamoli ai loro teatrini, noi andiamo avanti!!!
E' urgente a questo punto compiere delle azioni forti in modo di far capire che non possiamo essere discriminati rispetto ad altre categorie di cittadini, e soprattutto che finalmente ci venga concessa la necessaria attenzione.
Rappresentiamo un’emergenza sociale che non può più essere ignorata ed è per questo che il Coordinamento Nazionale ha organizzato per il prossimo 31 gennaio una grande manifestazione nazionale a Roma. Verrano invitati a sfilare anche i Parlamentari in un corteo che partirà da Piazza della Repubblica (nei pressi della Stazione Termini) alle ore 12,00 e percorrerà Via Cavour, Via dei Fori Imperiali per giungere a Piazza Madonna di Loreto (Piazza Venezia) dove la manifestazione proseguirà in modo stanziale fino alle 14,30. Nello stesso tempo una piccola delegazione si staccherà per raggiungere Piazza Montecitorio allo scopo di farsi ricevere presso il Parlamento della Repubblica. I relativi permessi sono già stati concessi dalla Questura di Roma.
L’appuntamento è alle ore 11,30 in Piazza della Repubblica a Roma.
Attenzione: Questa manifestazione non deve fallire e dobbiamo riuscire a portare a Roma il maggior numero possibile di persone. Per quanto riguarda i familiari disabili gravi e gravissimi trasportabili, sarà ovviamente a vostra discrezione se portarli o meno con voi, anche se comprendiamo le ovvie difficoltà . Cercheremo comunque di organizzare un presidio di accompagnamento al corteo da parte della Croce Rossa Italiana per le eventuali emergenze.

Lo slogan della manifestazione sarà : «Le famiglie dei disabili gravi non sono una discarica sociale ma un’emergenza che non può più aspettare.» La situazione di invalidità grave e gravissima può avvenire a chiunque, basta un incidente stradale o un intervento andato male, quindi anche alle famiglie "normali" può capitare un caso di disabilità grave, non aspettiamo che succeda, facciamo una legge giusta subito! Allo scopo di lanciare il nostro messaggio in modo più forte vi preghiamo di portare, per ciascun partecipante (e anche qualcuno di scorta), dei sacchi da spazzatura, possibilmente di grande formato, che indosseremo tutti come una tunica, ma anche megafoni, striscioni, cartelli e tutto quello che riterrete utile per rafforzare la nostra protesta. Invitiamo i genitori e familiari, che non potranno partecipare personalmente, a delegare comunque il maggior numero possibile di persone in rappresentanza della propria famiglia.

[...]Vedrete, ce la faremo, ma dobbiamo essere forti e uniti!

Il Coordinamento Nazionale Famiglie di Disabili Gravi e Gravissimi

INFO:

Le informazioni tecniche della giornata, e i contatti locali e regionali per la partecipazione si possono trovare a questo link a cura dell'organizzazione.

Coordinamento Nazionale Famiglie di Disabili Gravi e Gravissimi
C/o Consulta per l’Handicap - XII Municipio di Roma
Via Ignazio Silone 100 ‑¬â€˜ 00143 Roma
Tel. 06 ‑¬â€˜ 69612608 ‑¬â€˜ Fax 06 233217322 ‑¬â€˜ email: prepensionamento@libero.it

Sull'argomento vedi anche questi articoli:
‑¬à‹Å“NON LASCIARE SOLO CHI ASSISTE I GRAVI E GRAVISSIMI E’ POSSIBILE E DOVEROSO’

GENITORI DEI GRAVI E GRAVISSIMI, LA LOTTA PER IL PREPENSIONAMENTO


[Redazione]