Menu

banner exposanita

 
 
 
 
 

Tipografia

Vanno all'asta su internet gli oggetti di scena utilizzati per la diretta su LA7 de "Il Sergente" di Marco Paolini dalla Cava Arcari di Zovencedo (VI).

Fino al 19 novembre,
collegandosi a Ebay (nella sezione delle aste di beneficenza) si possono acquistare alcuni elementi dell'allestimento autografati dall'attore-autore che la sera del 30 ottobre ha incollato davanti al televisore oltre 1.200.000 spettatori.
Il ricavato verrà integralmente destinato al sostegno dei progetti di Emergency.
 
"Quando abbiamo scelto la cava per la diretta del 'Sergente' abbiamo dovuto reinventarci la scenografia dello spettacolo, rinunciando agli elementi più propri del teatro, come gli specchi deformanti, ma rispettando le esigenze del racconto teatrale - riferisce Paolini  - L'uscita dalla 'sacca' descritta da Rigoni Stern a teatro è simboleggiata da una marcia al ritmo delle note di Uri Caine dentro un grande telo che rappresenta la neve sporca dalle tracce degli uomini.

Per l'allestimento in cava abbiamo scelto di mantenere questo modo di rappresentare la 'sacca', ma di fare un telo molto più grande.
Il telo usato in cava misura circa 12 metri per 8, è un cotone grosso che abbiamo scenografato con il vino, il caffè, il the e la polvere di pietra della cava che solidifica con la luce.
Lo abbiamo adattato al palcoscenico e calato in acqua affinché il peso di quest'umidità che aggredisce il cotone contribuisse a rendere la fatica dell'uscita dalla 'sacca'.
Abbiamo usato pochissimi altri oggetti, qualche giberna, degli scarponi, uno zaino, qualche elmetto. Ci è sembrato che non servissero altro".

Dunque oggetti che hanno un peso e un valore simbolico e teatrale.
"La mattina dopo, mentre smontavamo lo spettacolo, ci siamo chiesti cosa fare di questi elementi scenici - prosegue l'artista - Contemporaneamente sono cominciati a piovere da ogni parte i segnali di quanto lo spettacolo avesse raggiunto i cuori e le anime degli spettatori, sia in cava che a casa. Allora abbiamo pensato ad Emergency, abbiamo ricavato 14 pezzi di quella nostra 'sacca' e selezionato alcuni oggetti di scena (scarponi, zaino e elmetti militari) e io li ho autografati.
Ho rinunciato volentieri a riutilizzare quella scenografia, pensando che ad Emergency avrebbe potuto essere utile".

E rivolgendosi ai suoi spettatori, Paolini lancia un messaggio intenso.
"A teatro, dopo gli applausi, avrei chiesto al pubblico di fermarsi al banchetto di Emergency, che ci segue sempre nei nostri spettacoli, perché il loro lavoro continua ogni giorno incessantemente anche quando i riflettori si spengono e cala il sipario.
Adesso, dopo la diretta, a riflettori spenti, ma spero ad animi ancora accesi, vi invito a fermarvi al banchetto di Emergency, questa volta invece delle magliette potete portarvi a casa un pezzo di quella 'sacca'. Siate generosi".
 
INFO:

Ufficio Stampa Jolefilm
Charta Bureau
Giambattista Marchetto 
press@charta-bureau.com
                                                
Ufficiostampa Goigest/LA7
Valentina Ferrara
tel. 02.202334
valentina@goigest.com

Per saperne di pù su Marco Paolini

Vai alla sezione aste di beneficienza su Ebay


[Redazione]