Menu

Tipografia

I genitori che ci sono passati lo sanno bene: sanno a quanti specialisti hanno dovuto far ricorso per avere indicazioni utili sulla salute fisica e mentale del proprio figlio con disabilità.
Per chi ne fosse digiuno, il (giustamente) famoso libro "Nati due volte" di Giuseppe Pontiggia ne potrà rendere l'idea.
Tra i tanti problemi questo: far interagire le diverse valutazioni degli specialisti, per poter proporre al piccolo un programma integrato, una volta stabilito con chiarezza quale è la problematica e quali sono i margini di intervento.
Proprio per offrire alle famiglie dei piccoli degenti un approccio di questo genere nasce primo in Italia il centro multidisciplinare per i pazienti con disabilità dell'Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma. La novità è proprio nell'aver riunito in un'unica struttura tutti gli specialisti necessari per offrire un'opportunità di cura "globale", sia sotto l'aspetto fisico che psicologico. Titolo dell'operazione, un eloquente "Tutti per uno".

Tra le specialità individuate per comporre l'equipe multidisciplinare che in seduta plenaria valuteranno caso per caso nella prima visita medica il bambino o il ragazzo disabile: neuroriabilitazione, anestesia, dermatologia, odontostomatologia, oculistica, otorinolaringoiatria, ortopedia, chirurgia pediatrica.
Al proprio arrivo in Ospedale la famiglia del bambino con disabilità viene accolta dal pediatra, dallo psicologo e dal neuroriabilitatore che, assieme, delineano il primo profilo clinico del paziente, per poi sottoporlo a visita analitica assieme a tutti i medici che compongono l'equipe multidisciplinare dell'ambulatorio.
In questo modo, in un'unica seduta chirurgica, è possibile risolvere anche definitivamente problemi di salute che, senza l'approccio multidisciplinare, comporterebbero numerose sedute operatorie e altrettante esposizioni alle sedazioni totali.

E non è tutto: infatti il medico dell'equipe multidisciplinare che prende in carico il singolo paziente ne diventa di fatto il "tutor clinico", un punto di riferimento per la famiglia e per il bambino, di cui seguirà l'andamento dei progressi sul piano della salute pure dopo la dimissione. Questa figura sarà di aiuto anche, dopo il ritorno a casa del paziente, ai medici del territorio.

Evidenti le ricadute sia sulla famiglia che sul piccolo paziente: un sistema di questo genere riduce i tempi e le corse su e giù per dipartimenti diversi, visite specialistiche anche fuori regione, ricoveri assortiti e a volte inconcludenti.

INFO:

Ospedale pediatrico Bambino Gesù - Irccs
Piazza S.Onofrio, 4 - 00165 Roma
Per prenotazioni presso il centro multidisciplinare per i piccoli pazienti disabili:
dal lunedì al venerdì dalle ore 9,00 alle 12,00
tel. 06/68593417 - 06/68593361

Altre iniziative dell'Ospedale pediatrico romano:
"GIOCHI CON ME?"

A PEDIATRIA UNA STRUTTURA PER ACCOGLIERE LE FAMIGLIE


[Alberto Friso]