Menu

Tipografia

La cornice: Trieste. L'occasione: il secondo Meeting Nazionale dell'Associazione Rete Italiana Città Sane, che ha rappresentato un'ottima occasione per un fecondo scambio di esperienze sui temi della disabilità e della partecipazione.
L'organizzazione di questa iniziativa s' inserisce, fra l'altro, in un clima di grande sensibilità, proprio della città giuliana, verso le tematiche della disabilità: molto è stato fatto in tal senso (si pensi - per esempio - ai percorsi tattili per non vedenti e soprattutto al Progetto Parcheggi 2001, che ha destato attrattiva in ambito nazionale e verrà presentato al prossimo FORUM P.A.), anche se molto si deve ancora fare.

L'Associazione "Rete Italiana Città Sane - OMS" è una rete di collegamento tra i Comuni italiani promossa dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, Ufficio Regionale per l'Europa OMS/EURO, per fornire uno strumento che sperimenti a livello locale il raggiungimento degli obiettivi della Salute per tutti, ossia l'equità, la promozione della salute e di stili di vita adeguati, la partecipazione della comunità e la sostenibilità.
Al Convegno Nazionale i Comuni aderenti sono stati stimati nel numero di 130.
Tenendo in considerazione che quest'anno è stato proclamato dall'Unione Europea l'Anno Europeo della persone con disabilità, le tematiche affrontate, ben illustrate dal titolo scelto - "Salute: la partecipazione rende abili" - hanno riguardato due aspetti strettamente correlati delle dinamiche sociali, la partecipazione e la disabilità.
Il coinvolgimento di un maggior numero di soggetti nella definizione delle politiche da adottare ed il completo inserimento sociale delle persone disabili sono doveri primari per una società che si definisce matura.
La principale finalità dell'evento è consistita quindi nell'offrire maggior visibilità possibile ad ogni aspetto di innovazione progettuale, incentivando un fecondo scambio di idee ed esperienze: solamente attraverso la condivisione delle esperienze e delle opinioni di ognuno è possibile creare una mentalità collettiva che porti all'ideazione di soluzioni efficaci ed innovative affinché il singolo cittadino si senta un protagonista attivo e soprattutto ad una persona disabile venga data la possibilità di esercitare la propria cittadinanza in tutti i suoi aspetti; i propri doveri ma soprattutto i propri diritti.
Per raggiungere massimi livelli di approfondimento tematico, sono stati invitati a presentare la loro esperienza tutti i massimi esponenti locali, con il compito di testimoniare la possibilità di individuare metodi efficaci da poter esportare a livello nazionale con caratteristiche di massima innovazione e fattibilità.
In particolare, nelle sessioni dedicate al tema della disabilità sono intervenuti Agis Tsouros, Comprehensive Health Policies Support and Head, WHO - Centre for Urban Health, Copenhagen e - tramite collegamento in videoconferenza - il Sottosegretario del Ministero della Salute, On. Antonio Guidi.
Inoltre, questo convegno ha visto la presenza dei Presidenti di altre Reti coinvolte a livello nazionale nella promozione della salute, come "Agenda 21 locale", "Ospedali promotori di salute" e "Città sicure", che parteciperanno ad una tavola rotonda sul tema.
Tale manifestazione si è posta quindi come uno degli eventi principali in calendario nell'Anno Europeo delle persone con disabilità.

INFO
Segreteria Organizzativa - Ufficio Stampa
II Meeting Nazionale Rete Italiana Città Sane
Tel. 040 6754388