Menu

Tipografia

Un Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, datato 28 febbraio 2003.
Val la pena di parlarne, perché istituisce il FIABA-DAY, fissato per ogni prima domenica di Ottobre, a partire dall'anno in corso.
Già da subito una novità: questo forte legame tra un'Associazione privata e gli alti Organi dello Stato, per dare un segnale forte e concreto ai fini della sensibilizzazione di tutte le Istituzioni pubbliche e private, delle forze sociali e produttive e dei cittadini nei confronti delle barriere fisiche e culturali. FIABA (la sigla sta per Fondo Italiano Abbattimento Barriere Architettoniche), infatti, ha sottoscritto un protocollo d'Intesa con la Presidenza del Consiglio dei Ministri, con lo scopo di avviare iniziative concrete a sostegno dell'inclusione sociale delle persone con disabilità e per la diffusione di una cultura "senza barriere".
La prima iniziativa sinergica è stata l'organizzazione di una visita a Palazzo Chigi: durante tutta la giornata del 5 ottobre (ore 9.00 - ore 19.00), si sono aperte le porte del Palazzo del Governo a persone con disabilità che ne avevano fatto richiesta entro il 10 settembre.
Ad accogliere gli ospiti Stefania Prestigiacomo, Ministro per le Pari Opportunità.
Un giro, della durata di circa mezz'ora, per ogni piccolo gruppo di visitatori (composto da 5-6 disabili ciascuno), per un totale, a fine giornata, di circa 80 disabili più i rispettivi accompagnatori.
Il gruppo che ha aperto la serie di visite è stato guidato dal ministro Prestigiacomo.
All'architetto di Palazzo Chigi, Paolo Ranieri, è toccata l'illustrazione dal punto di vista storico e funzionale delle zone del palazzo visitate, in complesso una decina di sale.
A partire dallo "Scalone d'onore" per poi passare (via ascensori) alla Sala dei Galeoni, alla Sala degli Arazzi e così via, fino all'anticamera dello studio del Presidente e, per finire, alla Sala del Consiglio, dove i disabili hanno potuto sedere sugli scranni dei ministri.
Un giro del tutto tranquillo dal punto di vista delle barriere architettoniche, che non ha reso necessario alcun intervento straordinario, tenuto conto che tutte le sale erano sullo stesso piano e facilmente accessibili.
Emozionati e contenti i portatori di handicap (per niente disturbati dai numerosi flash dei fotografi e dalle riprese delle tv), consapevoli dell'eccezionalità dell'evento.
A completamento del tour, i visitatori hanno ricevuto come ricordo un orologio tipo Swatch (nel quadrante è disegnato Palazzo Chigi) e un cofanetto con le pubblicazioni della Presidenza del Consiglio per il semestre.
Per celebrare questa prima giornata per l'abbattimento delle barriere architettoniche, il Ministero dei Beni Culturali ha deciso l'accesso gratuito ai musei per i portatori di handicap ed i loro accompagnatori.
E ieri, il ministro Giuliano Urbani ha incontrato, alla Pinacoteca di Brera a Milano, un gruppo di disabili.
Al ministro hanno chiesto più accessibilità ai musei ed interventi specifici che consentano la fruizione delle opere d'arte anche a sordi e ciechi.
Le attività e le iniziative volte alla promozione della Giornata Nazionale per l'Abbattimento delle Barriere Architettoniche, sono state realizzate da FIABA anche grazie al sostegno di Poste Italiane e Tris, Partners ufficiali dell'evento.
Alla fine, il presidente di FIABA, Giuseppe Trieste, si è detto ampiamente soddisfatto della manifestazione: "È andato tutto bene, secondo le aspettative.
Adesso inizieremo a lavorare per il Fiaba Day del 2004
".

INFO
Sito web www.fiaba.org/