Menu

Tipografia

Un bambino su mille nasce con gravi problemi di udito, e un numero ancora maggiore di bambini soffre di sordità temporanea.
Temporanea ma che, se protratta nel tempo, può causare difficoltà di apprendimento e di inserimento.
Dati inquietanti, forniti dall'Airs, l'Associazione Italiana per la Ricerca sulla Sordità che, per aumentare il livello di conoscenza delle opportunità di prevenzione e sensibilizzare l'opinione pubblica, ha coinvolto 150 ospedali distribuiti su tutto il territorio nazionale organizzando per il 20 di aprile la terza edizione della Giornata nazionale per la prevenzione e la lotta alla sordità. Con un titolo eloquente: "Dare ascolto alla sordità".

Nelle strutture dei 150 ospedali che si sono messi a disposizione sarà possibile effettuare visite specialistiche dell'udito a titolo gratuito.

"Siamo molto lieti che un numero così elevato di ospedali abbia aderito alla nostra Giornata; è un risultato superiore ad ogni previsione" ha dichiarato il professor Giancarlo Cianfrone, Professore Ordinario di Audiologia, Università La Sapienza, Roma e Presidente Airs Onlus. "La Sordità, infatti, costituisce oggi un problema medico e sociale in parte ancora irrisolto che purtroppo sta dimostrando una lenta ma preoccupante tendenza all'incremento. La Giornata intende sensibilizzare l'opinione pubblica  e promuovere una maggiore informazione sulle cause e sulle possibilità di cura. Per migliorare il livello d'informazione abbiamo messo a punto un decalogo che indica le principali cause di sordità e i consigli per curarle. I reparti che parteciperanno alla Giornata riceveranno il decalogo, il materiale informativo per i pazienti e alcune schede di rilevamento dati. Al termine dell'iniziativa, infatti, i risultati raccolti saranno analizzati per una valutazione di tipo epidemiologico e sociale".

E sulla rilevanza sociale di questa forma di disagio non ci sono dubbi, i numeri sono sicuramente importanti: oltre sette milioni gli italiani che soffrono di disturbi uditivi, più di mezzo milione le persone adulte con sordità grave invalidante.

Anche per sostenere la ricerca dal 1995 è attiva l'Airs, che si propone di promuovere le conoscenze mediche e scientifiche e i programmi di prevenzione, e finanziare la ricerca sulla sordità e sui più gravi disturbi uditivi. Aderiscono all'Associazione e ne fanno parte integrante 35 fra le maggiori strutture cliniche e di ricerca universitarie e ospedaliere su tutto il territorio nazionale.


INFO:

Visiona a questo link l'elenco delle strutture ospedaliere che il 20 di Aprile propongono visite specialistiche dell'udito a titolo gratuito.

Comitato promotore A.I.R.S. onlus presso Università degli Studi di Roma "La Sapienza"
Cattedra di Audiologia Dipartimento di ORL, Audiologia e Foniatria "Giorgio Ferreri"
Policlinico Umberto I - Viale del Policlinico tel - fax 0644361978
Sede Legale Via Aurelia 58 00165 Roma Tel 0639375311 Fax 06632988

L'associazione nazionale più diffusa, e di riferimento per il mondo dei sordi è l'Ente Nazionale Sordomuti, di cui a più riprese ci siamo occupati.


[Alberto Friso]