Menu

Tipografia

Una nuova “carta d’identità”, per dimostrare agevolmente la propria disabilità, ed accedere alle corrispondenti agevolazioni.
Lo ha varato in questi giorni il comune di Ravenna, con una presentazione a cura dell’assessore alle pari opportunità Giovanna Piaia e di Aldo Solofrizzo del Sap - Servizio di aiuto personale per disabili - del Comune di Ravenna.
Si tratta della Carta Bianca, un documento attestante lo stato di disabilità che verrà rilasciato dal Comune di Ravenna ai disabili dal 75 al 100 per cento di invalidità.
Questo certificato dà diritto di precedenza alle code negli sportelli pubblici e ad agevolazioni per consentire l’ingresso gratuito a musei, teatri, cinema, stadi, piscine e luoghi del tempo libero con un accompagnatore.

“Non sarà valevole come pass o lasciapassare in termini di sconto o gratuità in tutte le attività - spiega Solofrizzo - perché non sussistono strumenti di legge su cui basarsi (tranne un provvedimento del Ministro Rutelli per l’ingresso ai musei e monumenti) e perché il progetto è ancora in fase di sperimentazione iniziale. I contatti con le aziende sono tutt’ora in corso, ma l’obiettivo finale va in questa direzione; starà poi alla sensibilità soggettiva, soprattutto nel settore privato del commercio, decidere se aderire o meno”. Ravenna, ad ogni modo, è il primo Comune in Italia che ha deciso di istituire questo servizio e coinvolgerà buona parte dei 3 mila soggetti diversamente abili che conta nel suo territorio; in prospettiva sarà esteso a tutta la provincia.

Entro fine febbraio il Comune, tramite il Servizio Sap, invierà mezzo posta una lettera di convocazione ai disabili (per i minori alle famiglie) in cui sarà comunicato la modalità di ritiro della carta, una descrizione del nuovo servizio e un opuscolo con le attività aderenti. Basterà presentarsi personalmente o tramite un soggetto terzo, al Sap, di cui trovate nelle Info l'indirizzo, con una foto e la lettera di convocazione. In pochi minuti verrà rilasciata la tessera. In alternativa, sarà possibile anche fare riferimento alle associazioni di volontariato per disabili.

Complessivamente le tessere saranno tre: la Carta Bianca per disabili, la Carta Bianca per un accompagnatore e la Carta Bianca di Ospitalità per i turisti in visita in città. In questo caso, la tessera avrà durata temporanea e sarà consegnata direttamente dal Sap e dagli Uffici turistici Iat di Ravenna previo esibizione della certificazione di disabilità o di un’autocertificazione.

La Carta è stata definita “Bianca” in riferimento alla “trasparenza del servizio offerto” ha spiegato Solofrizzo. “Il Comune si farà garante dello stato di disabilità e sarà valevole come documento sostitutivo di qualsiasi altro certificato di disabilità e di altri successivi vantaggi economici. Non sarà una tessera sconto, ma avrà valenza prima di tutto sociale e poi economica. Sarà un documento personale, ma non varrà come patente o carta d’identità”.

Commentando il progetto, l’assessore Piaia ha parlato di un bellissimo esempio di uguaglianza nella diversità. “E’ un grande piacere per me poter dire che il 2007, l’anno delle pari opportunità, è passato non senza lasciare traccia. La disabilità non è solo nel vissuto della persona, ma nell’interazione tra la persona e l’ambiente circostante. E tutto ciò che fa ridurre questo dislivello, questo deficit, concorre al rispetto delle pari opportunità. Perché il disagio significa fare anche parti diverse per avere parti uguali. Pensiamo al tempo, per tutti è importante, ci sono i figli, la scuola, il lavoro, ma il tempo per un disabile è diverso, c’è più lentezza, difficoltà e complessità”.

E c’è un altro problema, la privacy e la sfera personale dei disabili stessi, aggiunge Solofrizzo, che in varie occasioni hanno lamentato poca sensibilità nei luoghi pubblici. “A fronte di un palese deficit, i disabili si trovano spesso costretti ad esibire la certificazione della propria patologia per vedersi riconosciuta la gratuità in un museo e ciò crea imbarazzo, anche in casi di patologie invisibili. Ci auguriamo dunque, che tante associazioni aderiscano, per dare più serenità a loro e a chi opera in questa direzione”.

INFO:

Comune di Ravenna
Piazza del Popolo, 1

Sap -Servizio di aiuto personale per disabili
Via C. Morigia 8/A - Ravenna
Fax: 0544 482139
Telefono: 0544 482789 - 482439
sap@comune.ra.it


[Marco Vivan]