Menu

Tipografia

 La Polizia di Stato ha all'attivo diverse iniziative che puntano ad avvicinare questa istituzione ai cittadini. Ad esempio, è attivo da due anni, nel maneggio del Reparto a cavallo della Polizia di Stato, un corso di ippoterapia per ragazzi con problemi neuromotori. L'ippoterapia consiste nell'utilizzo del cavallo come mezzo terapeutico: l'animale assume un ruolo di fondamentale importanza in un processo che sfrutta momenti di gioco e sport.
I risultati che si ottengono, nella maggior parte dei casi, sono positivi: di norma, si registrano miglioramenti neuromotori, ma non vanno trascurate sicurezza, e capacità concrete (quali coraggio, controllo emotivo e determinazione) che si infondono in chi pratica l'ippoterapia.
Il lunedì mattina e il giovedì pomeriggio le strutture della Polizia - nella fattispecie il Centro di Riabilitazione Equestre "Tina de Marco" e il Centro di Riabilitazione Equestre Capitolium (C.R.E.C.) a Roma (tel. 06-6634445) - sono messe a disposizione degli utenti afflitti da handicap fisici e mentali.
A questo progetto partecipano, con lo scopo di affiancare gli operatori dei Centri, anche sei agenti, tutti volontari: il loro impegno non deve essere infatti considerato un "lavoro", perché in questi due anni hanno instaurato un rapporto di amicizia e di fiducia reciproca con i ragazzi.

Il corso di ippoterapia non è però l'unico servizio che la Polizia di Stato offre alle fasce deboli: c'è anche un servizio di ricezione delle denunce a domicilio.
Le Questure si sono impegnate ad aiutare chi, dovendo presentare una denuncia o avendo bisogno di rivolgersi alla Polizia, sia impossibilitato a farlo tempestivamente per le proprie condizioni di salute: disabili, anziani e soggetti che si trovano in particolari situazioni.
Per usufruire di questo servizio, basta chiamare il "113", lasciare all'operatore i propri dati ed attendere l'arrivo di uno degli ispettori dello speciale nucleo dell'Ufficio Controllo del territorio.
All'utente l'operatore fornisce l'orario dell'arrivo della pattuglia, ed una parola d'ordine utilizzata dagli agenti: il disabile sarà così sicuro di ricevere in casa personale della Polizia e non degli estranei.

Per maggiori informazioni:

www.poliziadistato.it