Menu

Tipografia

Sembra una forma di "leasing".
Ma solo in superficie: nella realtà, infatti, gli aridi numeri e conteggi dei tipici contratti sono sostituiti da valori di ben altro genere e per nulla comparabili,  ovvero quelli dell'affetto e della salute. Si tratta delle caratteristiche di un nuovo progetto avviato dal settore servizi sociali del Comune di Padova. Scopo dell'iniziativa: venire incontro agli anziani, facendo conoscere loro le virtù terapeutiche della Pet Therapy. Ad ogni anziano che lo richiederà, dunque, verrà affidato un cucciolo a scopo di compagnia.
Dopo un iniziale periodo di adozione, il cane sarà assegnato definitivamente al padrone.

Il progetto nasce grazie al contributo di Puppy Walker, l'Associazione specializzata nell'affidamento di cuccioli a famiglie, affinché gli animali diventino socievoli e, una volta cresciuti, siano pronti
all'addestramento come cani guida per non vedenti.
Nel caso del progetto avviato dal Comune, l'obiettivo è piuttosto quello di sollecitare la mobilità dell'anziano, prevenendo forme di depressione e isolamento.
Le esigenze di un cane, infatti, obbligano il suo padrone ad uscire di casa frequentemente, e questa opportunità diventa così un veicolo di socializzazione con altre persone.

A fronte di un contributo pari a 5 Euro mensili, dunque, ogni anziano interessato all'iniziativa riceverà un cane di piccola taglia adeguatamente addestrato dalla Puppy Walker come animale di compagnia.
Il novello padrone si impegnerà a prendersi cura del cane seguendo le indicazioni dell'Associazione, che tra l'altro ogni mese consegnerà a casa il cibo necessario all'animale.
Un volontario dell'Associazione, inoltre, farà periodicamente visita all'anziano; in questo modo, oltre ad instaurare un rapporto di fiducia con l'ospite, valuterà l'andamento dell'esperienza e il livello di socializzazione tra cane e padrone. Dal punto di vista economico-burocratico, l'animale è assicurato per danni all'ospite, a persone e a cose. Inoltre, il Comune verserà a consuntivo per lo svolgimento dell'iniziativa un contributo di 1000 Euro in proporzione al numero di animali affidati e alla loro permanenza nella casa degli anziani.
Alla conclusione del progetto, fissata per il 30 aprile 2007, il cane verrà definitivamente assegnato al padrone. Nello stesso tempo non terminerà l'attività di assistenza da parte del volontario: questo, infatti, manterrà i contatti con l'anziano, fornendogli aiuto pratico e proseguendo il suo sostegno anche sotto l'aspetto relazionale.

Tutti gli anziani che parteciperanno al progetto pensino già al nome da dare al loro nuovo amico a quattro zampe.

Comune di Padova 

Leggi anche questi articoli:
UOMO E ANIMALE: UN RAPPORTO TERAPEUTICO 

PET THERAPY: I RISULTATI DI UN PROGETTO PILOTA 

BAMBINI E ANIMALI SI AIUTANO E SI CAPISCONO, A VICENDA 


[Roberto Bonaldi]