Menu

Tipografia

Secondo Aldo Bacchiocchi, responsabile ANCI per i servizi all'infanzia, la situazione finanziaria che il Governo ha provocato nei confronti dei Comuni potrebbe colpire, proprio nell'Anno Europeo dedicato all'Handicap, le persone disabili.
E qui scatta immediato il allarme: una politica di tal genere può far nascere una specie di razzismo sociale?
E' quanto temono AITH (Associazione Italiana Tutela Handicap)  CISAL (Confederazione Italiana Sindacati Autonomi Lavoratori).

Le dichiarazioni di Bacchiocchi nascono da un'analisi dei dati del 37° Rapporto Censis sulla presenza dei disabili in Tv.
Dal rapporto Censis 2003 la società italiana appare in declini, disomogenea, che aumenta le partiche di convivialità, fra cui, purtroppo, la più estesa è la diffusione dell'alcol tra i giovani e i giovanissimi.
Questo sta avvenendo anche nel sistema del Welfare, dove le strategie d'azione sono sempre più legate al territorio e al volontariato.

Ha preso la parola sull'argomento, quindi, Giovanni Miceli, Presidente Nazionale AITH - CISAL, per sottolineare che, al contrario di quanto sta succedendo, "... è assolutamente necessario che i livelli di sostegno previsti dalle politiche di welfare degli Enti locali siano potenziati e riqualificati anche attraverso attività sinergiche con queste associazioni di volontariato e cooperative sociali che, ben conoscono i problemi delle famiglie dei portatori di handicap.
È auspicabile, quindi,  che Governo ed Enti locali trovino al più presto una soluzione comune  per non ledere, ulteriormente, diritti costituzionalmente garantiti e ridare una piena dignità morale e pari opportunità sociali alle persone con disabilità
".


Per informazioni
AITH (Associazione Italiana Tutela Handicap) CISAL
00192 Roma - Viale Giulio Cesare 21
Tel. 063207941 - 063207858
Fax 063212521
Sito web www.cisal.org
E-mail aith@cisal.org