Menu

Tipografia

Ci sono casi in cui la cura dell'orto "cura" non solo i prodotti vegetali, ma anche la salute delle persone.
E' quanto capiterà a partire dai prossimi mesi al Centro Cardinal Ferrari di Fontanellato, grazie a una convenzione firmata con il Parco Regionale Boschi di Carrega.
Obiettivo: la realizzazione di un orto giardino dedicato alla terapia occupazionale.

L’idea terapeutica dell’orto giardino nasce all’interno dei percorsi di Terapia Occupazionale studiati dagli esperti del CCF per coinvolgere maggiormente alcuni pazienti con esiti di grave cerebrolesione acquisita, prevalentemente di natura cognitivo-comportamentale.
E’ un progetto – spiega la neurologa Donatella Saviola responsabile del Day Hospital del CCF - che mira ad aumentare le autonomie e migliorare la qualità di vita e si basa sull’osservazione costante dei pazienti effettuata in questi anni”.

Il progetto infatti fa riferimento ad un’analisi, svolta da un team multidisciplinare del centro, dalla quale risultava che i pazienti denunciavano spesso solitudine dopo la fase di riabilitazione intensiva, con scarse risposte rispetto al recupero delle autonomie extradomestiche, al reinserimento scolastico e socio-lavorativo.

La nuova proposta lascia ben sperare, come ha documentato già la prima fase di sperimentazione.
I gruppi, composti da 5 partecipanti, hanno lavorato ogni giorno per un mese, con supervisioni di 90 minuti.
Nonostante la metà dei partecipanti fosse compresa, inizialmente, tra un livello insufficiente e scarso per quanto riguarda la capacità mnesica e di problem-solving, in tutti i partecipanti si è verificato un incremento della motivazione alle attività (solo due casi di assenza a una seduta nell’intero mese) con sviluppo di relazioni sociali che poi si sono mantenute anche all’esterno dei 90 minuti di terapia.

In 3 soggetti, particolarmente penalizzati dal punto di vista mnesico, si è sviluppata la capacità di svolgere compiti semplici, riproposti periodicamente, come innaffiare o strappare le erbacce.

Con la nostra esperienza pilota – continua la Saviola - abbiamo osservato che la terapia di gruppo, tramite il coinvolgimento nella cura di un orto-giardino, favorisce la partecipazione e l’aggregazione, che difficilmente si otterrebbero, invece, coi metodi tradizionali, cioè in sedute di terapia cognitivo-comportamentale strutturate a tavolino”.

INFO:

CCF Centro Cardinal Ferrari
Via IV novembre 21
Fontanellato (PR)
Tel 0521820211
Fax 0521820200

Altre iniziative che coniugano coltivazione e autonomia di persone con disabilità:
IN UNA SERRA SI PUO' ANCHE "COLTIVARE IL LAVORO"

IL LAVORO AGRICOLO, UN’ OPPORTUNITA’ PER GLI AUTISTICI

RISCATTARSI IN FATTORIA: DIDATTICA, NATURALMENTE! 
 

[Marco Vivan]