Menu

Tipografia

Anche i silenziosi all'ufficio postale.
Sicuri di essere capiti, e di potersi spiegare.
E' il frutto che si coglierà con il primo corso nazionale di lingua italiana dei segni (LIS) per dieci operatori di Poste Italiane, finanziato da contributi comunitari e destinato a formare il personale addetto agli sportelli della Provincia di Torino, per una concreta possibilità di interloquire con i disabili sensoriali con difficoltà uditive. A lanciarlo è direttamente Poste Italiane, assieme alla Consulta per le Persone in Difficoltà in collaborazione con l'Agenzia Formativa Forma.
Titolo dell'iniziativa: "Un ufficio postale accessibile a tutti".

Semplice la constatazione da cui è partito il progetto: ci sono utenti che non possono offrire dei servizi delle Poste, e non perché non ne abbiano bisogno, ma per un handicap della struttura ricettiva postale, non pronta ad accogliere anche queste persone.

Il corso prevede un approccio sociologico e psicologico, oltre ad un modulo di comunicazione visiva e gestuale utile per formare il personale ad interagire ed accogliere tutte le disabilità e l'insegnamento della lingua dei segni (LIS) è ad opera dell'Associazione torinese Lislandia.

Evidente il collegamento con le Olimpiadi di Torino 2006: infatti Poste Italiane, supporter ufficiale di Casa Italia, si dota in questo modo della possibilità di soddisfare la domanda di servizi anche da parte dei clienti diversamente abili. Le Paralimpiadi sono dietro l'angolo, e il servizio poi resterà a disposizione della cittadinanza piemontese, con l'augurio che una sperimentazione di questo genere possa trovare un suo seguito anche in altre aree d'Italia.

 - Poste Italiane e l'accessibilità - il caso del Piemonte
Mappe poste all'ingresso dei nuovi uffici e percorsi tattili realizzati sul pavimento, consentono ora ai non vedenti di acquisire la "geografia" dell'ufficio e di farsi guidare agevolmente allo sportello desiderato. La presenza di almeno uno sportello con piano ribassato o, più recentemente, l'introduzione del ribassamento di tutta la sportelleria, hanno introdotto nei nuovi uffici la piena fruibilità dei servizi ai disabili su carrozzella. Nella realizzazione dei cartelli di "segnaletica" poi, si è fatto ricorso a caratteri a contrasto che facilitano la lettura anche agli ipovedenti.
Tutte soluzioni che il nuovo lay out ha consentito di realizzare anche all'interno di edifici storici e che hanno trovato sintesi in un modello di organizzazione della sala al pubblico con il quale è facile ed intuitivo familiarizzare.
In Piemonte i numeri di questa rivoluzione ancora in corso sono significativi: complessivamente sono 123 gli sportelli ribassati per l'accesso dei diversamente abili, 198 gli ATM accessibili, 57 le guide tattili poste sul pavimento degli uffici e 44 le mappe tattili collocate all'ingresso. Il tutto cercando di distribuire le innovazioni sul territorio in modo uniforme.

INFO:

La recensione al sito delle Poste Italiane

Altri articoli sulle Poste:
ANCHE POSTE ITALIANE STAMPA L'ANNO EUROPEO DELLE PERSONE DISABILI

FACCIAMO IL PUNTO SULLA CAMPAGNA "OBIETTIVO BARRIERE"

Consulta per le Persone in difficoltà Onlus
Via San Marino 10, 10134, Torino
Tel 011 3198145 - 011 3188285
Fax 011 3187656
Numero Verde 800 590004
segreteria@cpdconsulta.it


[Alberto Friso]