Menu

Tipografia

Rilanciare un'azione comune "alla conquista dei diritti negati".
E' quanto si propongono le associazioni disabili aderenti alla Federazione superamento handicap (Fish) del Veneto, in assemblea congressuale il prossimo 27 gennaio.
"Vogliamo essere eterogenei in positivo - racconta Ivano Platolino, portavoce della fererazione regionale - superando gli steccati delle singole associazioni. Proprio la ricchezza di tante esperienze associative nel nostro territorio ha frenato finora il muoversi assieme. Dobbiamo curare gli elementi di sintesi".
All'assemblea congressuale hanno annunciato la propria presenza gli amministratori locali, nelle persone di Stefano Valdegamberi, assessore regionale alle politiche sociali, e di Flavio Zanonato, sindaco di Padova. Atteso anche Pietro Barbieri, presidente nazionale Fish.
L'appuntamento, aperto al pubblico e in particolare agli iscritti alle associazioni aderenti, è per le ore 15.00 del 27 gennaio, presso la sede regionale dell'Anffas Padova di via due palazzi.

"Quello che andiamo cercando è la presa in carico complessiva della persona", dice Lilia Manganaro, consigliere nazionale Anffas con delega alle politiche per l'inclusione. "Abbiamo bisogno di un ambiente sociale accogliente, che deve essere in grado di adattarsi all'abilità diversa. Scuola, lavoro, strutture architettoniche, pubbliche e private. Una città a misura di disabile è una città più vivibile per tutti".

Per fare questo, ed essere più incisivi, c'è bisogno di mettere insieme le forze e le voci di chi si batte per i diritti delle persone con disabilità.
"Ad oggi c'è poca comunicazione, dialogo" rileva Alcide Palatron, presidente Anffas della Riviera del Brenta. "Vogliamo rimettere in piedi la Fish veneta, creando gruppi di lavoro interassociativi che si incontrino a scadenza mensile".

Ma su quali emergenze si punterà, vista la scelta di titolare l'assemblea "alla conquista dei diritti negati"?
"Sono quelli riconducibili alla presa in carico della persona - risponde Platolino -, quindi diagnosi precoce, inclusione scolastica, inserimento lavorativo, mobilità, barriere architettoniche, servizi socio-sanitari, vita indipendente, tempo libero. Sono problemi irrisolti, che ostacolano la piena partecipazione sociale delle persone con disabilità intellettiva, relazionale, sensoriale e fisica".

INFO:

Fish Veneto
tel 0437981680
c/o Centro Aism "Casa del sole"
Viale Roma, 64
32014 Ponte delle Alpi - Belluno

Alcuni degli ultimi articoli pubblicati sull'azione della federazione Fish:
FINANZIARIA 2007, LE PRIME IMPRESSIONI

DIRITTI UMANI E INCLUSIONE SOCIALE, AL VIA IL PRIMO CORSO IN EUROPA

ANCHE IL SENATO APPROVA LA LEGGE ANTI DISCRIMINAZIONI


[Alberto Friso]