facebooktwitterfriendfeed
Accedi

Accedi

vasce per disabili
smart drive bodytech
sollevaotre a binario
Rollator gomiero shop
Rollator gomiero shop

Poltrona per disabili e anziani


Poltrone elevabili relax per disabili e e anziani

(Publiredazione)
http://www.sanort.com/6364-12491-thickbox/poltrona-elevabile-giada.jpg

Poltrona elevabile Giada

La poltrona, grazie ai due motori indipendenti, garantisce il massimo comfort e offre la soluzione più confacente alle necessità della persona, in tutta sicurezza e libertà di movimento.

Posizioni Giada:
Posizione “Relax” - Nessun limite alla scelta della posizione migliore
Posizione “TV” - Dal comfort più ozioso, alla posizione più attiva e coinvolgente: per essere attori del programma televisivo che si intende seguire
Posizione normale “Seduta” - Per ottimizzare un dialogo, uno scambio di opinioni con amici e famigliari
Posizione “Stand up” (alzata) - Perché alzarsi tutte le volte che si desidera non sarà più assolutamente una fatica, per il piacere di un movimento attivo
Posizione "Massimo comfort-letto" - Il piacere di sentirsi sempre a proprio agio, liberamente, in tutta sicurezza, in ogni posizione desiderata.

Posizioni Giada

Caratteristiche tecniche:

    Inclinazione del supporto gambe, indipendente dall’inclinazione dello schienale

    Supporto testa/schiena laterale di contenimento

    Meccanismo di elevazione in acciaio ad alta resistenza

    Inclinazione massima schienale 150°

    Lunghezza massima con schienale inclinato ed appoggia gambe sollevato cm 160

    Altezza massima 100 cm

    Larghezza massima 86 cm

    Profondità seduta 55 cm

    Larghezza seduta 60 cm

    Altezza seduta da terra 62 cm

    Altezza schienale da terra 105 cm

    Profondità massima 89 cm

    Portata massima 300 Kg

    Peso della poltrona: 54 Kg

 

 

Per info:
Poltrone relax elevabili


Redazione


Forum

DISABILI O PORTATORI DI DISABILITA'?

disegno che lega le lettere dal cervello alla bocca Anche la nostra bella lingua italiana, come tutte le belle lingue, presenta i suoi difetti, le sue zona d'ombra, le sue cattive interpretazioni: mi spiego.
Se io dico che una persona è: disubbidiente, disoccupata, disattenta, voglio indicare che è rispettivamente "priva" di obbedienza, occupazioone, attenzione.Di conseguenza, se mi si definisce "disabile", si dice che io sono "privo di abilità": ma io non ci sto a che mi si definisca in questo modo.... Continua sul FORUM