Menù

fiera expo emergenze
banner ausili on line
doblò tetto alto
fiera expo emergenze
banner doccia per disabili
banner letto per disabili

Typografia
immagine simulazione di stimolazione elettricaLa nuova tecnica sfrutta la stimolazione non invasiva del cervello

Da ora recuperare l'uso degli arti nei pazienti colpiti da ictus sarà più semplice grazie ad una ricerca made in Italy, coordinata dall'Università di Bologna. Un risultato importante considerato che l'ischemia cerebrale, principale causa di disabilità nelle società occidentali, lascia spesso segni evidenti. Per i pazienti colpiti è spesso difficile muovere una parte del corpo, ad esempio la mano o un braccio. Il problema non è nell'arto, ma nelle regioni motorie del cervello che lo controllano, danneggiate appunto dall'ictus, che non sono più ricettive. Oggi le tecniche di riabilitazione in uso sono scarsamente efficaci, specialmente quando vengono usate sui pazienti "cronici" (a più di 6 mesi dall'ictus) nei quali le capacità plastiche del cervello sono ridotte.

La soluzione risiede in una nuova tecnica di stimolazione non invasiva del cervello, messa a punto da un gruppo di ricercatori Italiani coordinato da Alessio Avenanti, neuroscienziato del Dipartimento di Psicologia dell'Università di Bologna, chiamata stimolazione magnetica transcranica (TMS).
€˜La tecnica ‑¬â€˜ spiega lo stesso Avenanti - è stata applicata per inibire la corteccia motoria dell’emisfero sano che, in seguito all’ictus, prende il sopravvento sulla corteccia motoria dell’emisfero leso e può interferire con il suo funzionamento, ed è stata usata in combinazione con le classiche tecniche di riabilitazione motoria".

La TMS è infatti in grado di creare uno stato transitorio in cui la corteccia motoria lesa, liberata dall'interferenza della corteccia motoria sana, diventa più attiva e plastica, cioè più "aperta" alle esperienze e a ri-apprendere i movimenti, beneficiando maggiormente delle tecniche di riabilitazione motoria. Gli esercizi, praticati con il fisioterapista, a loro volta aumentano e stabilizzano l'attività della corteccia motoria lesa, creando così un circolo virtuoso duraturo.

I ricercatori hanno sperimentato la nuova tecnica riabilitativa su trenta pazienti cronici con ictus e disturbi motori, per due settimane, ed hanno monitorato gli effetti del trattamento per tre mesi: i risultati hanno mostrato un netto e stabile miglioramento nella forza e nella destrezza dell’arto malato per tutti i tre mesi di monitoraggio.


PER APPROFONDIRE:

Il testo dell’articolo pubblicato su Neurology (in inglese)


IN DISABILI.COM:

CELLULE STAMINALI PER RIPARARE I DANNI CEREBRALI DA ICTUS

TORNARE ALLA GUIDA DOPO UN ICTUS O UN TRAUMA CRANICO

Alessandra Babetto

Approfondimenti

Speciale Exposanità

Speciale Exposanità

EXPOSANITA' 2016   SPECIALE DI APPROFONDIMENTO Dal 18 al 21 maggio 2016 torna al quartiere fieristico di Bologna...

ASSISTENZA DOMICILIARE

ASSISTENZA DOMICILIARE

ASSISTENZA DOMICILIARE L'assistenza domiciliare è un insieme di cure di carattere medico ed assistenziale prest...

PIAGHE DA DECUBITO

PIAGHE DA DECUBITO

PIAGHE DA DECUBITO Il decubito, termine con cui si intende genericamente la posizione del malato a letto, può ...

CATETERISMO: APPROFONDIMENTO SPECIALE

CATETERISMO: APPROFONDIMENTO SPECIALE

CATETERISMO - SPECIALE D'APPROFONDIMENTO Il cateterismo è una pratica molto diffusa che permette a chi non possiede...