Accedi

Accedi

scooter disabili magicsan

RIFORMA DEL LAVORO: LE NOVITA’ PER LE ASSUNZIONI DI LAVORATORI DISABILI

ministero lavoroLe modifiche intendono allargare il campo di applicazione della Legge 68/99

Il Governo è stato in questi giorni impegnato nella discussione del disegno di legge che servirà a riorganizzare la regolamentazione del mercato del lavoro. All’opera il ministro Elsa Fornero e le parti sociali.

Dopo un lungo dibattito, lo scorso 23 marzo è stata infine approvata  €˜salvo intese‑¬ dal Consiglio dei ministri la Riforma del mercato del lavoro, disegno di legge che introduce novità importanti soprattutto nella direzione di agevolare la flessibilità lavorativa e nella nuova disciplina del licenziamento.

 

LE NOVITA’ - Per quanto riguarda i disabili, la riforma, così come approntata dal ministro Fornero, opera verso un allargamento della normativa relativa ai soggetti svantaggiati, nell’ottica di migliorarne l’inserimento lavorativo. Nello specifico, la riforma dice che per calcolare la quota di posti riservati all’assunzione dei disabili, si dovranno considerare tutti i lavoratori assunti con vincolo di subordinazione.  Come leggiamo dal documento, saranno esclusi i disabili già in forza, dirigenti, soci delle cooperative, contratti di reinserimento, lavoratori assunti per attività da svolgersi all'estero, lavoratori interinali occupati presso l'impresa utilizzatrice, lavoratori socialmente utili assunti, lavoratori a domicilio, lavoratori che aderiscono al programma di emersione.

MAGGIORI CONTROLLI - A fianco di questo innalzamento della quota su cui calcolare il numero di posti riservati a lavoratori disabili, la riforma intende anche ridurre, quando non eliminare, l’esonero dall’obbligo di assunzione di disabili, che interessa alcuni settori di produzione, relativamente a speciali attività e mansioni. Ancora, nelle intenzioni del Governo, un rafforzamento dei controlli da parte dell’Ispettorato del Lavoro, ad assicurare una applicazione delle normative a garanzia del lavoro riservato alle categorie svantaggiate.

COSA DICE LA LEGGE FIN’ORA ‑¬â€˜ La legge che regolamenta l’obbligo di assunzione di lavoratori disabili è la Legge 68/1999. Le quote d’obbligo di assunzione sono scaglionate secondo la dimensione dell’azienda e altri parametri. In particolare, l’obbligo inizia a partire dai 15 dipendenti. Secondo la legge,  il datore di lavoro è tenuto ad assumere un lavoratore disabile quando l’azienda abbia un numero di dipendenti tra i 15 e i 35. Quando gli assunti siano tra 36 e 50, la quota passa a due lavoratori, per arrivare poi al 7% del totale da calcolarsi nel caso di forza lavoro superiore alle 50 unità . 

 

Per approfondire

Il testo della riforma del lavoro 2012

IN DISABILI.COM:

Speciale LAVORO DISABILI

CONGEDO STRAORDINARIO: NUOVA PROCEDURA SOLO VIA WEB


Francesca Martin

Forum

DISABILI O PORTATORI DI DISABILITA'?

disegno che lega le lettere dal cervello alla bocca Anche la nostra bella lingua italiana, come tutte le belle lingue, presenta i suoi difetti, le sue zona d'ombra, le sue cattive interpretazioni: mi spiego.
Se io dico che una persona è: disubbidiente, disoccupata, disattenta, voglio indicare che è rispettivamente "priva" di obbedienza, occupazioone, attenzione.Di conseguenza, se mi si definisce "disabile", si dice che io sono "privo di abilità": ma io non ci sto a che mi si definisca in questo modo.... Continua sul FORUM