Accedi

Accedi

Triride è un'unità di propulsione elettrica amovibile
giochi bambini disabili
KIVI TOUR
disabili carrozzine elettroniche

NORME DI SICUREZZA PER DISABILE IN CLASSE

Salve, vorrei sapere se oltre alle norme sulla Sicurezza previste per tutti gli ambienti scolastici esistono norme specifiche sulla gestione degli spazi dell'aula in presenza di un alunno con disabilità motoria che necessita di deambulatore. Ciò allo scopo di avvalorare la richiesta di un'ulteriore prima classe di scuola primaria. Allo stato attuale l'alunna si troverebbe inserita in una classe con 26 alunni, nonostante risulti lo stato di gravità .
Grazie per la disponibilità
M.

La risposta dell'esperta scuola

Le norme a tutela della sicurezza negli ambienti di lavoro, scuola compresa, sono, come lei sa, disciplinate dal corposo DPR 81/08 che ha ampliato e superato la 626/94. La legge 104/92 all'articolo 24 precisa obblighi e competenze per l'abbattimento delle barriere architettoniche. Per quanto riguarda la scuola primaria, è il Comune a dover provvedere anche su richiesta del dirigente scolastico di un sopralluogo tecnico per la valutazione di eventuali lavori di manutenzione straordinaria che rimuovano le barriere architettoniche. Per un approfondimento della materia le indico alcuni link specifici:
www.fiaba.org
http://www.indire.it/aesse/
Le segnalo il concorso bandito dal MIUR nell'ambito del protocollo di intesa con FIABA, rivolto a tutte le scuole del territorio nazionale proprio sui temi dell'integrazione senza barriere. Nel comunicato del MIUR troverà riferimenti telefonici per avere ulteriori informazioni.
http://www.istruzione.it/web/istruzione/prot2862_11

Ada Maurizio
Dirigente scolastico
FIAT DOBLO' NEW CONCEPT WAV DI FOCACCIA GROUP PER IL TRASPORTO DEL DISABILE IN CARROZZINA
olmedo allestimenti auto per i disabili
tecnodrive allestimenti trasporto disabili

Entra nella Community

             

Forum

DISABILI O PORTATORI DI DISABILITA'?

disegno che lega le lettere dal cervello alla bocca Anche la nostra bella lingua italiana, come tutte le belle lingue, presenta i suoi difetti, le sue zona d'ombra, le sue cattive interpretazioni: mi spiego.
Se io dico che una persona è: disubbidiente, disoccupata, disattenta, voglio indicare che è rispettivamente "priva" di obbedienza, occupazioone, attenzione.Di conseguenza, se mi si definisce "disabile", si dice che io sono "privo di abilità": ma io non ci sto a che mi si definisca in questo modo.... Continua sul FORUM