Accedi

Accedi

Triride è un'unità di propulsione elettrica amovibile
giochi bambini disabili
KIVI TOUR
disabili carrozzine elettroniche

QUALI SONO I COMPITI DELL'ASSISTENTE ALLA PERSONA?

Buongiorno, sono la mamma di una ragazza disabile 100% con L. 104 art. 3 c. 3, la disabilità più importante è quella motoria, la ragazza non deambula. Gradirei capire esattamente i compiti degli assistente alla persona che credo siano le stesse figure degli assistenti educativi e alla comunicazione. Resto in attesa di una sua delucidazione in merito, nel più breve tempo possibile.
Le sono molto grata e la ringrazio per tutto l'aiuto che mi potrà dare.
Cordiali saluti.
V.


La risposta dell'esperta scuola

Gli assistenti alla persona o assistenti educativi culturali sono operatori dipendenti del comune o di cooperative sociali. Il compito dell'AEC è di sostenere il processo di integrazione degli studenti disabili non autonomi, aiutandoli ad andare in bagno, a mangiare , a spostarsi negli spazi della scuola sia esterni che interni all'edificio, ad accompagnare l'alunno in gita scolastica e nello svolgimento di attività che richiedano spostamenti, nella cura dell'igiene personale. Non è compito dell'AEC la somministrazione di farmaci, tranne su autorizzazione dei genitori e su presentazione di una formale richiesta del medico. L'AEC, inoltre, non deve intervenire nella didattica né per lo svolgimento di attività a scuola che nei compiti a casa. Il mansionario dell'assistente è un documento che può essere richiesto al comune o alla cooperativa. Infine, l'AEC partecipa ai GLH operativi e collabora nella stesura del PDF e del PEI.

Ada Maurizio
dirigente scolastico
REAS è la fiera leader in Italia per i settori di Emergenza di Protezione Civile, per il settore antincendio ed Emergenza di Primo Soccorso.
olmedo allestimenti auto per i disabili
acceleratore al volante ghost

Entra nella Community

             

Forum

DISABILI O PORTATORI DI DISABILITA'?

disegno che lega le lettere dal cervello alla bocca Anche la nostra bella lingua italiana, come tutte le belle lingue, presenta i suoi difetti, le sue zona d'ombra, le sue cattive interpretazioni: mi spiego.
Se io dico che una persona è: disubbidiente, disoccupata, disattenta, voglio indicare che è rispettivamente "priva" di obbedienza, occupazioone, attenzione.Di conseguenza, se mi si definisce "disabile", si dice che io sono "privo di abilità": ma io non ci sto a che mi si definisca in questo modo.... Continua sul FORUM